Le proprietà dei cachi

di - del 3 Dicembre 2014 © diritti riservati

cachiIl cachi è un albero da frutto originario dell’Asia orientale, detto anche “mela d’Oriente”, per ricordare la sua forma tondeggiante come la mela. È una delle piante da frutto coltivate dall’uomo più antiche. L’albero di cachi è considerato l’albero dalle 7 virtù; ha lunga vita, perché è un albero longevo.
Con la sua ampia chioma fa ombra d’estate, riparando dai caldi raggi solari; i tarli non lo aggrediscono, gli uccelli possono nidificare fra i suoi fitti rami, le sue foglie rosse sono molto decorative in autunno, il suo legno fa un buon fuoco in inverno, le foglie numerose, cadendo in autunno, concimano il terreno.

In Giappone, il cachi è simbolo di Pace. A Nagasaki, durante il bombardamento nucleare del 1945, una pianta sopravvisse e, amorevolmente curata, riuscì a rifiorire e fruttificare. Divenne il segno della forza della natura che riesce a resistere anche alle più dure difficoltà. Il suo vigore fu preso come potente messaggio di pace da divulgare nel mondo, per ricordare a tutti l’inutilità e l’orrore di ogni guerra. Semi di questa pianta sono stati distribuiti nel mondo, per unire uomini di lingua, razza e religione diverse e lasciare il messaggio di Pace alle generazioni future.

Ricco di vitamine: A, B, C, E e di minerali: calcio, ferro, fosforo, selenio, zinco, rame, sodio, magnesio e soprattutto potassio. Grazie alla presenza del potassio, il cachi è considerato un frutto diuretico e depurativo, mentre l’alto contenuto in fibre lo rende un ottimo rimedio naturale contro la stitichezza. A causa della grande quantità di zuccheri, il consumo di cachi è sconsigliato per chi soffre di diabete e di obesità. Questo frutto è anche un ottimo rimedio naturale contro lo stress, raccomandato anche in caso di stanchezza ed astenia.

Il cachi può anche essere di grande aiuto nella cura della nostra pelle.
Ha ottime proprietà idratanti, questa maschera è dunque consigliata a chi ha la pelle arida, sciupata del viso e del collo.
Schiacciate un cachi ben maturo e stendetelo con un pennello sul viso e in particolare sul collo.
Tenetelo in posa almeno 15-20 minuti per poi sciacquarlo con acqua tiepida.
Essendo molto idratante, vedrete distendersi la pelle, soprattutto quella del collo.
Questa maschera si può ripetere una volta a settimana per tutto il periodo di maturazione del cachi.

Letto 5403 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (vota, clicca sulle stelline)
Loading...
Caterina Camera

Info Caterina Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *