Dal turbamento all’affidamento

di - del 20 Dicembre 2016 © diritti riservati

di don Antonio Landi

Dal Vangelo secondo Luca

AvventoAl sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.
Chi pensa che Maria abbia acconsentito immediatamente alla volontà di Dio, senza batter ciglio, rilegga attentamente le sue reazioni all’annuncio dell’angelo divino. Ella anzitutto resta spiazzata di fronte al saluto angelico e s’interroga sul senso di tali affermazioni che la riguardano: cosa vorrà mai Dio da lei? La notizia del concepimento di un bambino non la fa sobbalzare di gioia, ma suscita in lei ansia, preoccupazione: com’è possibile? Ella non è andata ancora a vivere con Giuseppe: sarebbe uno scandalo! Potrebbe essere lapidata o ripudiata in malo modo, secondo la legge di Mosè’! In questo senso, Maria è una creatura come ciascuno di noi: ha bisogno di immergersi gradualmente in un mistero più grande di lei. Tuttavia, si fida di Dio e si affida alla sua volontà: questo è il salto di qualità che ella compie, rendendola modello di fede per ogni credente.
Dio vi benedica!

Letto 14506 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (vota, clicca sulle stelline)
Loading...
Avatar

Info redazione