Amalfi Canta il Natale un premio ai costruttori di pace e dialogo

di - del 30 dicembre 2016 © diritti riservati

amalfi-canta-il-natale-2016_Il pubblico delle grandi occasioni ha caratterizzato la prima delle due serate di Amalfi Canta il Natale, la rassegna dei cori polifonici giunta alla XXIV edizione nata da un’idea di Mons. Beniamino Depalma e coordinato nell’organizzazione da quasi mezzo secolo da Enzo Alfieri.
Nel tempo, alla rassegna dei cori si è aggiunto il premio “Amalfi ed il Suo Apostolo, Ponte tra Oriente e Occidente”, che assegna un riconoscimento agli uomini e donne di buona volontà che si sono contraddistinti con l’esempio nel farsi costruttori di Pace e dialogo, testimoniando i valori propri della fratellanza con il loro impegno nella vita quotidiana.
La prima serata, caratterizzata dall’esibizione di sette cori e il duo Colette Manciero e Giuseppina Mansi, ha visto tra l’altro la partecipazione del Coro Cantate Domino di Amalfi, del Coro Pina Elefante di Atrani, dell’Ensemble Sette Ottavi di Minori, del Coro Amici della Musica di Sant’Arsenio, del Gruppo “‘InCoro” di Nocera Superiore, dei Vox Aurea Vocal Ensemble di Salerno e del Coro Gospel Voices di Afragola.

amalfi-canta-il-natale-2016Primo tra i premiati Ezio Lucibello, amalfitano con la passione per l’arte presepiale napoletana cui è stato assegnato il riconoscimento della seconda edizione con la seguente motivazione:
“La dedizione nel perpetuare l’arte del presepe, evoca l’amorevole cura della Sacra Famiglia, valore ed emblema identitario della “Natività” come «ponte» fra culture diverse.
Attraverso l’alternarsi di piazze e vicoli che si inerpicano tra le case disposte in un crescendo verso l’alto, Ezio Lucibello stuzzica la curiosità del visitatore a scrutare all’interno dei numerosi ambienti, alla scoperta di scene familiari di vita quotidiana in cui traspare lo spirito religioso, l’impegno, la passione, lo stimolo all’incontro e al dialogo con l’osservatore.
Il presepe che Lucibello rappresenta, evoca il sapersi rigenerare, riformulare, riciclare: rinascere alla luce della coscienza trasfigurata in quella eccezionale venuta al mondo che parla della straordinaria nascita di un lume di consapevolezza, mistero che si rinnova, nuova alba per l’Umanità.”

Stasera è prevista le seconda serata, che si prospetta con corali di alto livello ed un collegamento esterno con Salvatore Barra secondo premiato quale “costruttore di pace e dialogo” .

La manifestazione sarà trasmessa sia in diretta streaming dal nostro sito che sul digitale terrestre al canale 654 di RTC Quarta rete di Cava de’ Tirreni.

Prima serata, lo streaming

Letto 4553 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star (1 voti, media: 10,00 su 5)
Loading...

Info redazione