CCC 28: L’uomo può essere definito ‘un essere religioso’

di - del 8 Luglio 2017 © diritti riservati

CCC 28: ‘Nel corso della loro storia, e fino ai nostri giorni, gli uomini in molteplici modi hanno espresso la loro ricerca di Dio attraverso le loro credenze ed i loro comportamenti religiosi (preghiere sacrifici, culti, meditazioni ecc.). Malgrado le ambiguità che possono presentare, tali forme d’espressione sono così universali che l’uomo può essere definito un essere religioso’

La Chiesa non considera uno stadio infantile e ignorante l’esperienza religiosa dell’umanità testimoniata da monumenti e documenti fin dai tempi più remoti e in maniera contemporanea nei più diversi luoghi della terra. Senza avere contatti tra loro, gli esseri umani sparsi sulla faccia della terra ci hanno lasciato la testimonianza della loro esperienza religiosa, vissuta con modalità tanto somiglianti che il paragrafo non esita a definire UNIVERSALI. Ciò prova che l’esperienza religiosa si è sprigionata in maniera spontanea e naturale in seno all’umanità. Ciò spinge la Chiesa ad attribuire all’uomo la qualifica di ESSERE RELIGIOSO.
La Chiesa ritiene piuttosto che sia stata la cultura moderna a indurre l’uomo sulla via dell’irreligiosità, nel momento in cui ha cominciato ad affermare che è vero soltanto ciò che si può verificare con gli strumenti della scienza. Nonostante ci troviamo in una fase avanzata dell’era scientifica, l’esigenza del rapporto col soprannaturale continua a manifestarsi in larghissime parti del genere umano, sotto le forme più varie e contraddittorie, segno che la cultura scientifica non è riuscita a sradicare dalla natura l’uomo l’esigenza della ricerca di ‘qualcosa’ di superiore. Ciò avviene non solo nei continenti ritenuti culturalmente arretrati ma nell’Europa stessa, la patria del razionalismo e del positivismo, dove assistiamo addirittura a un ritorno del paganesimo in larghe fasce della gioventù e specialmente nelle nazioni dell’Europa orientale dove per nel secolo scorso ha regnato l’ideologia comunista che presumeva di sradicare il desiderio di Dio al cuore dell’uomo.
Nelle società occidentali assistiamo già da tempo a rinnovate esigenze di spiritualità che cercano soddisfazione nelle spiritualità orientali oppure in forme ibride di spiritualità che vengono riassunte nell’esperienza cosiddetta della New Age.

BUONA MEDITAZIONE!

Letto 17934 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (vota, clicca sulle stelline)
Loading...
Avatar

Info don Antonio Porpora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *