Incontro estivo dell’Arcivescovo con i nostri 12 Seminaristi

di - del 1 Settembre 2014 © diritti riservati

gruppo seminariti 2014di Andrea Pacella

Esperienza estiva dei seminaristi con l’Arcivescovo: l’incontro tra il Padre e i suoi figli prediletti.

L’estate è un tempo di riposo in cui si rallentano quelle attività che ci hanno accompagnato nel corso dell’intero anno, ma ciò non vuol dire assenza totale di impegni. Come il corpo cerca refrigerio durante la calura estiva, così l’anima arde trovare una brezza di consiglio divino per essere guidata nelle proprie decisioni e confermata nelle proprie intenzioni.

Con questi sentimenti il responsabile diocesano, don Michele Fusco, anche quest’anno ha fatto si che l’Arcivescovo trascorresse qualche giorno con i dodici seminaristi della Diocesi, i quali hanno trovato ospitalità presso la casa parrocchiale di Dragonea di Vietri sul Mare. Dal 4 al 7 agosto u.s., sono stati giorni intensi, l’incontro tra il Padre e i suoi figli prediletti, dove si sono coniugati momenti spirituali e ricreativi, occasione preziosa per intessere o vivificare relazioni umane e fraterne tra seminaristi. Condividere gli spazi, il tempo, la preghiera porta ad aprirsi all’altro, aiuta a comprendere quante volte durante l’anno non si è avuto un tempo adeguato per parlare tra noi, quante volte non è stato possibile condividere le gioie o raccontarsi le proprie esperienze pastorali, quante volte si è persa l’occasione di ascoltare silenziosamente qualche preoccupazione.

L’altro aspetto significativo, di questo tempo trascorso insieme, è stato quello di incontrare alcuni sacerdoti della nostra Diocesi nel vivo della loro attività pastorale, condividendo con ciascuno esperienze di diverso genere: con don Mario Masullo, la colonia estiva per disabili organizzata dall’Unitalsi di Cava, tenutasi presso le Suore dell’Eucarestia di Vietri sul Mare; con don Beniamino D’Arco, l’Adorazione Eucaristica itinerante in preparazione alla festa estiva di S. Lucia; con don Danilo Mansi, la processione via mare in occasione della festa della Madonna della Neve a Conca dei Marini; con don Angelo Mansi, Vicario della Pastorale, la presentazione del “Programma Pastorale”; con don Ciro Giordano, un itinerario di fede, arte, storia e cultura tra le parrocchie di Albori e Raito; con don Osvaldo Masullo, Vicario Generale, l’interessante relazione sul tema “Prospettive presbiterali. Quale modello di sacerdote?”; con don Giovanni Pisacane, la visita alla Parrocchia di S. Arcangelo e la presentazione delle attività dell’Ufficio Pastorale Giovanile della Diocesi di cui egli ne è direttore.

Normalmente si pensa che dedicare le proprie energie, spendersi totalmente per l’altro, produce stanchezze che non ripagano gli sforzi fatti, ma dalla testimonianza dei sacerdoti incontrati traspariva la gioia del servizio e la bellezza del sacerdozio, un richiamo palese alle parole del Signore Gesù riportate dall’Apostolo Paolo: Vi è più gioia nel dare che nel ricevere (At 20, 35).  Il senso di questa esperienza estiva di riposo cristiano ha ampiamente sorpassato il significato mondano di assenza di lavoro o  del rilassamento fisico e mentale perché ha rispettato tutte le caratteristiche del vero riposo che è quello che abbraccia l’anima e il corpo nella relazione con Dio, nel servizio al prossimo e nella speranza della realizzazione delle promesse di Dio che vuole donare una pace che supera i travagli di questa vita.

Letto 6327 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...
Avatar

Info redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *