1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 1,00 su 5)
Loading...

Chiesa di S. Maria Maggiore

Alle spalle del Duomo è la Chiesa di S. Maria Maggiore che venne fatta costruire nel 986 dal duca Mansone III e consacrata nel 1161. Era a tre navate con absidi divise da colonne, ma le alterazioni apportate in periodo barocco e successivamente, hanno fatto scomparire le strutture originarie.

Durante un restauro operato alcuni decenni or sono venne rinvenuto presso l’altare maggiore un suggello di piombo appartenente a Mastalo (960-986), vescovo di Amalfi: recava la scritta Mastalus Episcopus e S. Andreas Apostolus.

Nella lunetta sull’ingresso settentrionale, affresco di S. Felice, le cui reliquie sono custodite all’interno. Il campanile, restaurato nel 1607, presenta come quello della Cattedrale, un tamburo circolare con quattro torrini disposti secondo i vertici del quadrato di base.

Nel 1625 la chiesa divenne un centro di intenso movimento spirituale attorno ai Padri di S. Filippo Neri, che crearono in Amalfi un oratorio. Per questo motivo, da allora, fu chiamata “Chiesa Nuova”, in ricordo dello stesso titolo con cui veniva chiamata la chiesa dei Padri Filippini a Roma.

Vi si celebra la S. Messa durante la settimana.

Feste litugiche:

– 15 agosto: Solennità dell’Assunzione di Maria Vergine, preceduta dalla Novena.

– 16 ottobre: Memoria di S. Gerardo Maiella, preceduta dal Triduo.

 

(testi del Centro di Cultura e Storia Amalfitana, con le annotazioni liturgiche di Enzo Cretella – diritti riservati)

Print Friendly, PDF & Email