Sant’ Espedito martire

di - del 19 Aprile 2020 © diritti riservati

San EspeditoSant’Espedito (… – Melitene, 303) sarebbe stato, secondo la devozione popolare, un martire cristiano del IV secolo appartenente al gruppo capeggiato da sant’Ermogene.
Nel 1781 il santo fu proclamato protettore dei mercanti e dei navigatori, nonché secondo patrono di Acireale da Papa Pio VI, ufficializzando una credenza esistente già nel Medioevo e molto diffusa in Francia nel XVI secolo. È anche considerato, nella devozione popolare, il santo patrono delle cause urgenti: ciò potrebbe derivare da un facile gioco di parole col suo nome: Expeditus (“veloce”, ma anche “libero da impacci” e “ingegnoso”) sarebbe il santo che esaudisce subito le richieste dei devoti, senza attendere domani (appunto cras, ricordato dal verso del corvo), deputato alle richieste impossibili o alle faccende più urgenti (come santa Filomena, san Giuda Taddeo e santa Rita da Cascia).
È rappresentato mentre schiaccia un corvo con scritto “cras – domani” e tiene una croce (in origine un orologio o clessidra) con scritto “hodie – oggi”. A Sant’Espedito sono dedicate numerose chiese in tutto il mondo.
Ad Amalfi, nelle chiese di sant’Antonio e di santa Lucia si possono ammirare due bei simulacri in cartapesta degli inizi del Novecento.

Letto 117361 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 3,00 su 5)
Loading...
Avatar

Info Manuel Buonocore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *