Un tesoro in banca o in cielo?

di - del 17 Giugno 2016 © diritti riservati

lampada_Un tesoro in banca o in cielo?

di don Antonio Landi

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassinano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.
La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

Il discorso di Gesù tocca un punto particolarmente sensibile della nostra umanità: la tendenza, quasi innata, ad accumulare ricchezze e beni materiali per garantirsi un futuro sereno. Tuttavia, il possesso non evita le ansie e le preoccupazioni, anzi le moltiplica!
Gesù esorta a procurarsi tesori in cielo: ciò significa che la fede in Dio e nella sua provvidenza prevale sul desiderio di accumulo. Se il nostro cuore cerca la volontà di Dio, che è fonte di gioia e di pace, non ha nulla da temere. È preferibile essere poveri in terra, ma ricchi nel Regno dei cieli.
Dio vi benedica!

Letto 8353 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 6,00 su 5)
Loading...
Avatar

Info redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *