L’ingresso del vero Re

di - del 20 Marzo 2016 © diritti riservati

edited_maesta_duccio-ingresso_a_gerusalemmeDomenica 20 marzo 2016 – Domenica delle Palme

<<Mentre avanzava, stendevano i loro mantelli sulla strada>>

<<Poi dividendo le sue vesti, le tirarono a sorte>>

Il Signore intraprende ormai la conclusione del suo cammino entrando in Gerusalemme. Inizia a compiersi il disegno del Padre messo in moto da quel “si” di Maria all’annuncio dell’angelo, che fece si che il vero Re del mondo vi entrasse per incontrare ogni uomo. Entra su un asino sul quale non è mai salito nessuno, quasi a dirne la sacralità, e non più alto di 80 cm: nessun re userebbe una bestia cosi umile per il suo ingresso trionfale. Ma lui non è un re qualunque! Egli stravolge ogni idea che i Giudei avevano del messia Salvatore. Egli viene, infatti, a salvarci dal peccato e dalla morte prendendo su di se i peccati di ogni uomo e continuando ad annunciare la parola di vita eterna attraverso l’obbedienza muta “come agnello mansueto” alla volontà del Padre.
Quanti stendono i loro mantelli al passaggio di Gesù, compiono il gesto di chi rende onore al suo sovrano: eppure, poche ore dopo, quegli stessi uomini urleranno il loro odio contro Gesù flagellato e umiliato dicendo:<<crocifiggilo!>>. È la storia delle nostre vite: quante volte “rendiamo lode a Dio” soprattutto quando pensiamo che i suoi progetti e i nostri combacino. Eppure, appena ci accorgiamo che la sua volontà diverge dalla nostra, anche noi ci allontaniamo da Lui e non di rado le nostre azioni gli procurano lo stesso dolore della croce.
Stiamo per entrare nella settimana più densa e ricca dell’anno liturgico. Disponiamo il nostro cuore ad accogliere la Sua parola perché possa imparare a sentire la fatica, il dolore e…infine la gioia che il Cristo sperimenterà in questi giorni santi.

Buona domenica delle Palme e buona settimana santa!

 

Letto 8041 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (vota, clicca sulle stelline)
Loading...
don Andrea Alfieri

Info don Andrea Alfieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *