Il sogno di una notte: protettore delle bolle di sapone

di - del 16 Giugno 2016 © diritti riservati

Le-bolle-di-saponedi Sigismondo Nastri, giornalista

Ho fatto uno strano sogno, cerco di raccontarlo qui.
Premetto che non mi ritengo un buon cristiano, penso di andare a finire nell’inferno o forse, per la misericordia di Dio, in un lungo purgatorio. Questa convinzione rende ancora più indecifrabile il sogno, suggestivo sotto altri aspetti.

Ero morto e, udite, udite, catapultato direttamente in paradiso. Addirittura stavo per essere proclamato beato (o santo, non l’ho capito), con un mandato ben preciso: protettore delle bolle di sapone (meglio, di coloro che amano giocare a far bolle). Niente di strano, è l mio hobby da sempre, l’ho scritto e riscritto: “Gioco a far bolle che mi ruba il vento…”.

Le bolle di sapone
Sul balcone stamane al sesto piano
– era l’alba, il sole appena sorto
tra l’ammasso di case a Mercatello,
azzurro il cielo e trasparente il mare
che da Licosa arriva a Capo d’orso –
son tornato a soffiar bolle di sapone.
Eteree scintillavano nell’aria,
tante le bolle da sembrar farfalle.
Ne ho visto entrar persino nelle case,
volare sopra i tetti e le terrazze.
E ho visto una signora impressionata:
“Questo è pazzo – avrà detto -. Poveretto!”

La cerimonia era in corso, come avviene quasi sempre, nella cornice maestosa di piazza San Pietro.
Io la osservavo, compiaciuto, dal cielo.
Mi sono turbato quando è stato esposto al balcone della basilica la mia immagine, avvolta da una miriade di bolle. E di là, dalla sommità di una nuvola, ho lanciato un grido: “Ma come, Adriano s’è scurdato ‘e me fà l’aureola! “.
Tra i sogni e la realtà quotidiana sicuramente c’è un nesso. Dico questo perché a un bravissimo pittore, il maestro Adriano Paolelli, caro amico, è venuta proprio nei giorni scorsi l’idea di realizzare un dipinto nel quale mi ha ritratto “immerso” in una moltitudine di bolle di sapone. Pensavo all’aureola, che non m’era stata posta sul capo, quando mi sono svegliato, ritrovandomi vivo, e per giunta sereno, addirittura felice, nel letto.

 

© Le bolle di Sapone di Sigismondo Nastri (da: Il pensiero e le parole)

Letto 4826 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 voti, media: 4,00 su 5)
Loading...
Avatar

Info redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *