Il logo della Missione Popolare Parrocchiale 2016

di - del 19 Gennaio 2016 © diritti riservati

Il logo della Missione Popolare Parrocchiale 2016 nell’Anno della Misericordia (6 – 21 febbraio),  è connotato da alcuni elementi e colori il cui significato sono di seguito illustrati, affinché lo stessa sia quanto più possibile segno condiviso di una progettualità parrocchiale che la Missione in se esprime e concretizza:

La croce a X (o decussata con i bracci posti in diagonale) è disegnata per dare l’idea di una strada, un incrocio, il cammino e così simbolicamente raffigurare:

1) la croce di Sant’Andrea 

Al centro è marcata di bianco simbolo di Fede e centralità dell’Apostolo, nel cammino della comunità; ma anche l’Uomo che da umile pescatore rispose senza esitazione alla chiamata di Gesù, divenendone l’Apostolo prediletto;

2) la strada, il cammino
le alternative, le scelte cui siamo chiamati, ma anche il senso dell’attraversare e dell’incontro.

3) Il buon pastore – la comunità – l’abbraccio del segno di croce
Gesù tiene in braccio un agnello, il buon pastore che si preoccupa di soccorrere, prendersi cura “dell’agnello errante”. L’abbraccio di Gesù si estende in maniera circolare, avvolge, unisce: è comunità. Un segno circolare di croce a materializzare l’abbraccio caritatevole e misericordioso di chi al Padre si rivolge nella Preghiera; nel significato di Missione è anche Parola che si diffonde “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura“.

E poi i colori:

1) L’azzurro
simboleggia un cielo in Terra, ma è anche il colore che rappresenta la nostra città. Raramente ricorre nella liturgia di rito romano, molto in quella bizantina, russa, anglicana. Il suo richiamo al Mistero è segno interreligioso, liturgico di auspicio, alla tolleranza, all’unione dei cristiani e di tutte le religioni.

2) L’oro
delle vesti di Cristo e marcato nel segno circolare che da esso si diffonde è il colore della liturgia nel rito romano interscambiabile con tutti i colori tranne che il viola che sul volto e le mani di Gesù, raffigurato nel logo, degrada al rosa. Anche questo è segno dell’universalità del messaggio evangelico, dei valori dell’Amore, della Fratellanza che non conosce confini, né colore.

3) Il bianco
richiamo alla Vergine Maria, ma anche mistero di Gesù risorto, regnante e glorioso, segno di fede, gioia e purezza.

Letto 15151 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 6,00 su 5)
Loading...
Avatar

Info redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *