Fra voi però non è così

di - del 18 Ottobre 2015 © diritti riservati

Cari amici, nella XXIX Domenica del Tempo Ordinario, il Vangelo di Marco (Mc 10, 35-45), ci rende attenti ala richiesta da parte dei figli di Zebedeo nei confronti di Gesù. La richiesta è molto importante, rimanda ad un posto di prestigio all’interno di un discorso futuro, cioè sedere alla destra e alla sinistra di Gesù nel suo Regno.
In effetti, Gesù in un primo momento ascolta la richiesta sia di Giacomo e sia di Giovanni, ma poi esso risponde che , non competerà a Lui di decidere su tale richiesta, anche perché è stato preparato per coloro che, passeranno attraverso il battesimo di sangue cioè del martirio. Gesù compie delle domande sarebbero: si può bere il calice?, oppure ricevere il suo battesimo? Questo è il martirio, questo è l’essere cristiano. I due rispondono ignari di quello che gli accadrà: “Si lo possiamo”.
Gesù poi delinea il ruolo dei suoi discepoli, la loro missione quella del servizio, affermando che, il primo sia l’ultimo di tutti, esso è chiamato ad essere servito, ma a servire è dare persino la propria vita per la salvezza di tutti.
Quindi alla fine Gesù, vuole prospettarci la nostra vita e la sequela da percorrere per essere in comunione con Lui, senza privilegiare i primi posti nella chiesa o nella società, ma mettersi all’ultimo posto per servire tutti e se fosse necessario donare la propria esistenza per la salvezza dell’umanità. purtroppo oggi non sempre viviamo questa prospettiva di esistenza. Mettiamoci all’ascolto di Gesù.

Buona domenica.!

Letto 3041 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (vota, clicca sulle stelline)
Loading...
Avatar

Info Don Christian Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *