Conoscere le vie del Signore…

di - del 24 Gennaio 2015 © diritti riservati

discepoli GesùNella Terza domenica del Tempo Ordinario Anno B, la Parola di Dio ci ripropone il testo di Genesi 3,1-5.10; infatti vediamo in questo passo genesiaco come l’autore vuole quasi provocare il lettore alla domanda che tormenta l’umanità: perché esiste il male?
Se all’inizio tutto era pace ed anche il “serpente” non era un nemico, ma uno degli animali dell’ambiente, diventa molto chiaro come il male sia subentrato dopo nella creazione del mondo e poi dell’uomo. In tutto questo non vi è un Dio del male ed un Dio del bene; l’uomo è stato creato libero, quindi dire di si o di no a Dio e trasgredirne il comando.
Ovviamente qui la figura del serpente è al quanto simbolico,è un richiamo giudaico, infatti il serpente simboleggiava il male, subentra infine la tradizione aramaica delineando il serpente come l’angelo della morte, nei testi poi neotestamentari si identificherà in satana, il diavolo.

Questo, per quanto riguarda la prima lettura; la seconda lettura, 1 Corinzi 7,29-31; Paolo vuole ammonire la comunità di Corinto, affinché essa non si conformi alla mentalità del mondo. L’autore invita anche a ravvedersi perché il tempo della venuta del Regno di Dio è vicino.! Essi ci invita anche a noi di distaccarci dalla materialità riscoprendo la parte interiore di noi stessi come uno scrigno che viene scoperto a al suo interno, ci si può trovare un tesoro fatto di doni spirituali da donare agli altri. Paolo mette di fronte alla comunità di Corinto e a noi la soluzione di tutti i nostri desideri materiali, esso sta appunto nel distaccamento da essi.

Infine la pericope evangelica di Marco 1,14-20; l’autore vuole riprendere questa sezione dall’arresto di Giovanni il Battista lasciando sola la figura di Cristo, che ora Egli vuole dare significato alla sua missione quella del chiamare coloro che sono attaccati alle loro idee ai loro progetti futuri, questi sono i discepoli. Ecco sul mare di Galilea il Maestro chiama i suoi che prima erano di Giovanni e li prende con se..! Li vuole ammaestrare per poi inviarli nel mondo. Tutto quindi si ricongiunge con le altre letture, cioè il preservarsi dall’idea del mondo che spesso ci conduce alla perversione e al male.

Infine concludendo, la materia, l’idea della materia, il progetto verso la materia, fa si che l’uomo crea una certa barriera tra lui e Dio!
Cari fratelli in questo mondo di oggi, pieno di secolarismo, di materialismo e di scetticismo, ateismo,cerchiamo di fermarci almeno un momento e di ascoltare la voce del il Signore per capire cosa lui ci chiede di fare cogliendo nella piena libertà dei figli di Dio ciò che a lui è più gradito e perfetto.

Buona domenica.

 

Letto 20573 volte

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (vota, clicca sulle stelline)
Loading...
Avatar

Info Don Christian Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *